top of page
  • Immagine del redattoreOstetriche Elisa e Marta

Amelia

AMELIA


Piccola A., la tua storia è incominciata in salita

Con qualche preoccupazione qua e là mentre abitavi la pancia di mamma e papà.

Settimana dopo settimana ti sei mostrata come la ribelle del gruppo e piena di riccioli rossi ti abbiamo immaginato;

Ti sei fatta attendere, e neanche poco! Ma d’altronde ribelle sei, no?

I tuoi genitori non si sono persi d’animo e agli sgoccioli della tua vita in pancia si sono messi in gioco interrogandosi su cosa potesse mancare ancora… poi la tua mamma si è riguardata dentro, per lasciare ufficialmente che potessi intraprendere il tuo cammino attraverso la Vita.


Ti hanno accompagnato con coraggio, onda dopo onda, anche quando i tempi hanno iniziato a farsi lunghi… la tua mamma bisognosa di vedere le sue percezioni riflesse nei nostri occhi, il tuo papà una presenza leggera, saggia e innamorata.

Come in ogni vita che nasce, le loro energie si sono unite e perfettamente incastrate, per condurti dolcemente verso il mondo. Sono stati forti e tenaci nel chiedere per te, per loro, che tutti i loro desideri venissero rispettati ed accolti con amore.


Si pensava che saresti nata in acqua,

invece la terra ti ha accolto fin dal tuo primo respiro, sotto lo stupore di mamme a papà.


Con il tuo arrivo hai consegnato loro tante sfide avvincenti e un po’ (tanto) sonno,

ma attraverso il legame che li unisce hai mostrato loro la grande bellezza di una nuova vita a tre… non priva di difficoltà e con aspettative che non sempre si concretizzano, ma ugualmente piena d’Amore!


Buon cammino, dolce A.!




8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ludovica

Federico

Matilde

Comments


bottom of page